Dott. Michele Bianchini

Medico Estetico

Dott. Michele Bianchini

Il Dott. Michele Bianchini nasce a Siena il 22 febbraio 1977. Nel 1996 Dopo la maturità scientifica supera l’esame di ammissione per la Facoltà di Medicina e Chirurgia presso l’Univeristà di Siena.

Durante il periodo universitario fa esperienza nel reparto di Chirurgia Generale presso l’Azienda Ospedaliera Senese. Nel 2003 si Laurea nell’ultima sessione in corso con tesi sperimentale. Nello stesso anno supera l’esame di abilitazione alla professione e nel 2004 entra nella Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva che termina brillantemente nel 2008.

Nel 2004 si inscrive alla Scuola Internazionale Quadriennale di Medicina Estetica (Fondazione Fatebenefratelli) di Roma diretta dal Prof. C.A. Bartoletti.

Nel 2009 viene ammesso al Master di II livello in Dermatologia Estetica presso l’Università di Firenze diretto dal Prof. Torrello Lotti e nel 2010 ne consegue il Diploma.

Nel 2012 viene ammesso al Master di II livello in Chirurgia Estetica presso l’Università di Milano diretto dal Prof. Klinger e nel 2013 ne consegue il Diploma.

Dal 2007 al 2011 è stato responsabile del Centro di Medicina Estetica e Direttore Sanitario presso le Terme di Chianciano SPA.

Dal 2010 è Direttore Sanitario degli Stabilimenti Termali presso Bagni Vignoni, San Quirico D’Orcia: Adler Thermae Toscana, Posta Marcucci e Albergo le Terme dove svolge la sua attività di Medicina Estetica.

Ad oggi conta della partecipazione di più di 100 Congressi Nazionali ed Internazionali in tutto il mondo (specialmente in Europa) e di numerosissimi corsi, expert meeting e aggiornamento in Italia e all’estero. Ha avuto anche la possibilità di partecipare a delle sessioni di chirurgia su cadavere presso Bourdoux in Francia, Arezzo e Malta. 

 

La filosofia del Dott. Bianchini.

La Medicina estetica negli ultimi anni ha fatto passi da gigante sia in termini di nuove tecniche e indicazioni ma anche nella filosofia e gestione dell’inestetismo.

Le numerose tecnologie e materiali che ci vengono oggi fornite, ci permettono di trattare e migliorare alterazioni estetiche fino a qualche anno fà impensabili. 

Sicuramente la visione di insieme rappresenta l’ultima tendenza in termini di approccio su un deficit estetico. Infatti il trend, che mi sento di condividere a pieno, è quello di non limitarsi a correggere la singola ruga o il singolo inestetismo, bensì cercare di vedere la regione anatomica nel suo insieme andando a riposizionare i naturali volumi del viso, migliorare la cromia della pelle, la texture, facendo un programma di stimolazione dei fibroblasti alla produzione di nuovo collagene ed elastina e cercando di accelerare il turn over cellulare. 

Tutto questo oggi è possibile grazie alla combinazione di più trattamenti e tecnologie come per esempio, Acido Jaluronico, Botox, Fili di trazione riassorbibili, Laser, Luce Pulsata, Radiofrequenza, Ultrasuoni Microfocalizzati, Peeling, Biorivitalizzazioni, ecc.

Tutto ciò rappresenta una cosmesi domiciliare semplice, ma costruita ad hoc. Per ottenere dei risultati naturali che non vadano ad alterare i tratti caratteristici del viso il consiglio è di fare poche cose ma ripetute nel tempo così da ottenere dei piccoli miglioramenti e contrastare i fisiologici processi di invecchiamento. L’obiettivo non è di cercare di rincorrere un’età che ormai è passata, bensì di portare meglio possibile quella che abbiamo andando a mettere in condizione la “rughetta”, non di essere obbligatoriamente  eliminata, ma di essere inserita in un contesto di rilassatezza e vitalità in modo da apparire assolutamente naturale e piacevole. 

Dott. Michele Bianchini

Indietro